Biocircuit – l’allenamento circolare di Technogym

All’Arab Health 2020, Technogym ha avuto modo di presentare il nuovo sistema di allenamento, Biocircuit.

Un allenamento completo, rapido e coinvolgente. In una sola parola, Biocircuit. È il nuovo sistema di allenamento realizzato da Technogym, che come un atleta professionista, non conosce confini. Per alzare l’asticella del benessere, bisogna infatti comprendere come massimizzare al meglio gli sforzi degli utenti quando si trova in una delle tante palestre attrezzate Technogym. Trovare un unico  allenamento in grado di soddisfarli è da sempre una vera impresa, ma all’Arab Health 2020, una delle più importanti fiere del settore medico in Medio Oriente, i manager di Technogym hanno spiegato che bastano anche solo 30 minuti per un allenamento a 360°.

E non si tratta solo di una metafora. Per come vengono disposti i vari attrezzi, la sensazione è di trovarsi in un tour de force circolare dove è l’atleta a scegliere il tipo di preparazione implementare. Vuoi perdere peso? Ottimo. Rafforzare la propria muscolatura? Ancora meglio. Il pregio di Biocircuit è di guardare a ogni fascia di età, personalizzando l’allenamento a seconda di quali sono gli obiettivi prefissati. L’unica costante è il tempo. Nei trenta minuti previsti l’utente verrà guidato dal programma selezionato. Una volta effettuato l’accesso, non c’è più bisogno di aspettare. Gli esercizi e le fasi di riposo sono tutti gestiti dal software, portando l’esperienza costante e ad alti livelli d’intensità. Difficile dunque commettere qualsiasi errore, dalla scelta alla regolazione degli attrezzi. Biocircuit si adatta completamente all’atleta, e non solo per quanto riguarda la singola seduta. Chi infatti decide di pianificare un allenamento, lo può fare contattando sul brevetto Biodrive, capace di offrire un pacchetto di esercizi personalizzati moderni ed efficaci. Alla base di Biodrive la tecnologia aerospace. Intelligente, elastico, di ultima generazione, il motore installato in questi attrezzi si regola seguendo i dati inseriti all’interno del software dallatleta, che così può ottenere risultati nel miglior modo possibile. Una corsa contro il tempo così lo poteva organizzare solo Technogym, che guarda all’utente sotto ogni punto di vista. Con Biodrive si possono infatti decidere i profili di resistenza, variabili a seconda delle caratteristiche individuali, un carico di lavoro adattivo, l’assistenza spotter, che interviene nel  momento in cui la persona non riesce a gestire l’allenamento nel migliore dei modi, e, non per ultima, la velocità di esecuzione della specifica preparazione atletica.

L’interattivà, inoltre, non è solo garantita dal continuo aggiornarsi della scheda. È una funzione indispensabile per gli attrezzi, che s’impostano automaticamente dopo il primo accesso sincronizzandosi lungo il percorso di allenamento dell’utente, ancora più coinvolto in questa grande esperienza di fitness grazie allo schermo esterno posizionato nella struttura. Di questi modelli, da segnalare Biostrenght, facilmente regolabile e con una struttura in grado di garantire una performance ottimale, Run, dotato di una superficie di corsa dinamica e adattiva, e Bike, con 3 posizioni di allenamento e pedali easy entry.

Riccardo Lo Re