CORONAVIRUS, UNA DONAZIONE PER L’OSPEDALE DI OLBIA

I fondi raccolti saranno devoluti all’associazione Janasdia. L’obiettivo è l’acquisto di ventilatori per il reparto di rianimazione

La cifra sale di ora in ora. Gli olbiesi (ma non solo) stanno dando una grande prova di generosità. La raccolta fondi per l’acquisto di nuovi ventilatori a favore del reparto di rianimazione dell’ospedale Giovanni Paolo II di Olbia sta andando particolarmente bene. Ma ancora non basta. Per questo è opportuno che altre persone ancora donino qualsiasi cifra per dotare l’ospedale olbiese di nuovi strumenti in grado di fronteggiare l’emergenza coronavirus. Tutti i fondi raccolti sulla piattaforma GoFundMe saranno devoluti all’associazione onlus Janasdia presieduta dal dottor Giancarlo Tonolo, direttore di Diabetologia dell’Assl di Olbia.

«Tutta l’Italia sta attraversando una fase drammatica da un punto di vista sanitario, sociale ed economico – si legge nella motivazione della raccolta fondi che si intitola Un respiro per Olbia -. A seguito di contatto con il direttivo dell’ospedale Giovanni Paolo II di Olbia, in Sardegna, abbiamo constatato che ha pochissimi ventilatori per poter affrontare l’emergenza COVID-19. Siamo molto preoccupati e il diffondersi del virus potrebbe significare non avere le attrezzature idonee per curarci tutti».

Sono centinaia le persone ad aver preso parte alla raccolta fondi. C’è chi ha donato 5 euro, 20 euro, 500 euro, 1000 euro e addirittura 35mila euro. Tra i donatori pure il campione di basket e pilastro della nazionale azzurra Gigi Datome, olbiese. «In questo momento di grandissima emergenza anche la nostra comunità ci chiede di dare una mano – ha detto Datome in un video pubblicato sul suo profilo Instagram -. Nello specifico Olbia: l’ospedale Giovanni Paolo II si è reso conto che ci sono pochissimi ventilatori per fronteggiare l’emergenza del coronavirus. Io farò la mia parte, voi farete la vostra e tutto andrà bene». Anche l’imprenditore Flavio Briatore, da anni uno dei volti più noti della Costa Smeralda, ha sposato la causa per l’ospedale, come ha scritto sul suo profilo Instagram: «Mi rivolgo a tutti gli amici per cui Sardegna significa casa. Se come me l’amate, avete l’occasione di dimostrarlo in questo momento così difficile. L’ospedale di Olbia ha bisogno del nostro supporto per la terapia d’urgenza. Anche un piccolo gesto può fare una grande differenza».

Il link per effettuare la donazione.