AL WATERFRONT L’ARTE CRESCE IN GIARDINO

Deodato Arte per la nuova edizione del Waterfront ha installato le sculture di Arnaud Nazare-Aga e iClim nell’area esterna della propria sede

 

“Con la cultura non si mangia”. Una frase infelice e, bisogna dirlo, poco vicina alla realtà. Tutti sanno quanto valore può avere un mercato come quello dell’arte. Lo dimostra la crescita di brand di successo come Deodato Arte, presente anche nell’edizione 2020 del Waterfront Costa Smeralda. E lo dimostra la scelta davvero originale del brand di Deodato Salafia di allestire un’area esterna ricca di opere realizzate da Arnaud Nazare-Aga e iClim. Il messaggio è chiaro, diretto, e non ha bisogno di didascalia: Non si vive? Ma se cresce nel giardino del Waterfront!

La cura dell’arte

Com’è possibile? Può sembrare un concetto provocatorio, ma non lo è affatto. La radice della parola cultura deriva dal latino colĕre. In antichità questo aveva una duplice accezione. Letteralmente, ci si riferiva proprio al lavoro della terra; un processo che ha bisogno di metodo e attenzione per raggiungere i risultati sperati. Servono tutti gli strumenti raccolti grazie all’esperienza individuale e collettiva. In poche parole, serve il sapere. La cura dei terreni non ci ha messo molto ad avere un significato più astratto, toccando aspetti più vicini alla religione e alla filosofia. La cultura animi di Cicerone si riferiva infatti alla cura dello spirito, attraverso lo studio delle arti sin qui scoperte (all’epoca, si trattava di letteratura, retorica e filosofia). Tutto ciò è frutto di un percorso di formazione che portava l’uomo ad esprimere al meglio le proprie potenzialità, che può tradursi in un concetto, o in un oggetto di grande valore artistico, come quelli esposti da Deodato Arte al Waterfront. Passeggiando lungo il Porto Vecchio di Porto Cervo, il pubblico potrà apprezzare queste opere piene di vita e di colori, creati con passione e dedizione da alcuni degli artisti più affermati dell’arte contemporanea.

Le sculture di iClim
Nel giardino di Deodato Arte si concede ampio spazio alle sculture capaci di lasciare il segno. Chi sarà passato almeno una volta avrà notato la presenza di opere di grande impatto. È, del resto, uno dei grandi punti fermi del brand, che non smette mai di regalare emozioni. Il talento di un artista si vede infatti da come riesce ad attirare l’attenzione. Una sfida che non è semplice da vincere quando si tratta di guardare a un parterre culturalmente variegato. Eppure, quando l’obiettivo è raggiunto, le soddisfazioni si vedono. I gelati del thailandese iClim ne sono un esempio. Una scultura che raffigura un oggetto di uso comune, ma che colpisce per la cura dei dettagli. Realizzato in resina, fibra di vetro, polvere di marmo e legno, ognuno di essi è completamente dipinto a mano. Come ultimo tocco d’artista, il gelato viene ricoperto da una speciale lacca anti-UV, in grado di garantire una protezione duratura all’opera.

La passione di iClim (Hirtsak Phaijitsattaya) per l’arte nasce quando è già un bambino. Ma la storia non è mai lineare. È molto spetto fatta di intrecci, interrogativi e pensieri profondi sul futuro. Per iClim quel momento ha una data precisa: 1976. Si iscrive a legge, ma non per questo abbandona la sua vocazione artistica. È proprio durante la fase accademica a Bangkok che decide di lasciare spazio al suo talento. Lo deve a un suo amico che lo invitò a mostrare una delle sue prime opere in cartapesta. Da lì, la sua passione per l’arte lo porta ad insegnare i suoi segreti. Diventa docente di scultura al Wangklaikangwon Industrial and Community College nel 2001. Nove anni più tardi si ritrasferisce a Bangkok per continuare la sua carriera artistica, e prenderà parte al progetto del PAJ Art Studio insieme all’autore Arnaud Nazare-Aga.

Le opere di Arnaud Nazare-Aga

Tutte le sculture presenti al Waterfront sono disponibili anche in versioni ridotte. Questo per permettere una scelta più ampia possibile di prodotti capaci di adattarsi in ogni situazione. Deodato Arte ci tiene a soddisfare le esigenze dei clienti, senza mai sacrificare la qualità degli oggetti esclusivi. Come quelli del noto artista francese Arnaud Nazare-Aga. La sua produzione artista non conosce confini. Oltre al mercato europeo, le sue opere hanno raggiunto l’Asia (Singapore, Hong Kong) e l’Australia. La particolarità sta nelle forme lisce e armoniose, con dei colori particolarmente accesi in grado di rendere incredibilmente vivaci i suoi lavori. Tra questi, spicca il celebre ippopotamo Bompy, creato in polvere di marmo e resina, materiali consistenti che sono perfetti per delle sculture che possono stare in ambienti esterni. Da non dimenticare, l’altra scultura di punta dell’artista, Shiko. Con la gamba alzata in posizione da combattimento, è un’opera originale ottenuta usando materiali in fibra di vetro, polvere di resina e marmo. Tutte, ovviamente, fatte a mano, firmate e numerate. (Riccardo Lo Re)