Mastercard e turismo: alleanza vincente

L’Italia si conferma come una delle più amate destinazioni più cercate per i viaggiatori europei ed extraeuropei

Per tedeschi, spagnoli, olandesi, brasiliani e americani, che insieme ai cinesi rappresentano il maggior flusso di turisti internazionali, il nostro Paese rimane una tra le più amate destinazioni. Non solo per soggiorni brevi, ma anche per quelli comprendenti più pernottamenti. Una scelta effettuata anche dagli stessi italiani che privilegiano la Penisola rispetto ad altre mete, anche esotiche. È quanto risulta scorrendo i dati presenti nella nuova edizione del Global Destination Cities Index (GDCI) di Mastercard. Lo studio conferma, inoltre, anche un altro dato interessante dato: la presenza di un sempre maggior numero di turisti provenienti dalla Cina, segno evidente dell’evidente e continua ascesa economica del Paese orientale e della grande capacità di spesa dei singoli cittadini. Complessivamente le possibilità offerte dai nuovi sistemi di pagamento, sia Real Time che altri, oltre ai tradizionali quali la carta di credito e i contanti, hanno portato riflessi molto positivi nel settore turistico. Un comparto che, nonostante la crisi mondiale, mostra segni ben auguranti. Oltre a dare interessanti indicazioni su i flussi di viaggiatori e della loro spending capacity. Nel report Global Destination Cities Index (GDCI) di Mastercard nella sezione Origins, in cui si classificano i flussi turistici in base alla provenienza dei traveller internazionali, si osserva che gli statunitensi siano i più disponibili a muoversi all’estero oltre a una sorprendete presenza di quelli della Cina continentale, passati quest’anno al 2° posto, erano al 7° nel 2009. Seguono Germania, Regno Unito e Francia, con l’Italia al 13° posto e un interessante aumento, di visitatori dalla regione Asia-Pacifico, soprattutto Taiwan e Corea del Sud, un decennio fa la loro presenza era quasi ininfluente, oggi è stabilmente avvertibile e li colloca rispettivamente al 10° e al 6° posto. Un movimento capace di generare un fatturato di tutto rispetto, come sottolinea lo studio realizzato da World Travel & Tourism Council secondo cui l’industria del turismo ha contribuito all’economia mondiale con 8.800 miliardi di dollari e 319 milioni di posti di lavoro nel solo 2018. Un trend facilitato anche dalla possibilità di pagamenti più facili, veloci e sicuri, volano molto importante per l’economia di una nazione.
«Il turismo internazionale è di fondamentale importanza per le economie locali – ha dichiarato Michele Centemero, Country Manager Italy di Mastercard – e il nostro paese si conferma come una delle mete preferite a livello globale grazie a un mix di cultura, storia, buon cibo e tradizione Tuttavia, per accogliere con successo i turisti è necessario offrire esperienze sempre più uniche ed autentiche. In Italia, come in tanti altri paesi nel mondo, Mastercard collabora con le realtà locali per fornire servizi e soluzioni all’avanguardia in grado di migliorare le attrattive turistiche, la smart mobility e la digital journey del consumatore, offrendo esperienze innovative, facilmente fruibili e sicure». Nonostante l’indagine realizzata da Mastercard attraverso la piattaforma digitiale Tourism Insights, registri un leggero calo nel numero di viaggiatori internazionali rispetto a dieci anni fa (-0,7% vs 2009), l’Italia rimane, quindi, una tra le più apprezzate destinazioni per i viaggiatori stranieri, europei e di altri continenti: risultando essere la prescelta della top 3 di tedeschi (15,5%), spagnoli (10.9%), olandesi (8.9%) brasiliani (7.9%) e americani (5,7%). Per favorire questo continuo movimento Mastercard ha scelto di agire come partner tecnologico in sostegno all’industria del turismo nazionale e internazionale, fornendo servizi e soluzioni in grado di integrare, analizzare e comparare dati come la piattaforma Tourism Insights, oltre alle tecnologie di identità digitale, soluzioni di pagamento e sicurezza, gestione dei visitatori e consulenza infrastrutturale per risolvere qualsiasi tipo di esigenza. Complessivamente, Mastercard guida i partner turistici alla comprensione dei modelli di spesa per offrire esperienze uniche, sempre più connesse, sicure e inclusive. Tuttavia, affrontare le sfide del turismo internazionale è un compito arduo per una sola organizzazione, che si tratti un’azienda o un governo. Pertanto, è di fondamentale importanza una collaborazione globale per convogliare risorse provenienti da diverse discipline e settori, pubblici e privati, in modo da stimolare l’innovazione, in un’ottica sempre più sostenibile grazie a una visione a 360° del tema in questione.