IL PRIMO CYBER RESILIENCE CENTRE EUROPEO

Mastercard inaugura il Centro Europeo di Cyber Resilience, intensificando il sistema informatico all’insegna della sicurezza.

Mastercard, l’azienda leader nel settore del transazioni finanziarie, ha deciso di investire ancora di più nel campo della sicurezza grazie al primo Centro Europeo di Cyber Resilience. La rivoluzione digitale sta toccando non solo il mondo sociale, ma sta influendo anche in quello economico, con effetti assolutamente positivi per la collettività. I nuovi dispositivi contactless permettono con un solo movimento di compiere un pagamento senza alcun passaggio intermedio, di fatto semplificandolo come una transazione al pari dei contanti. Questo, ovviamente, porta dei grandi benefici al cittadino, tutelato dai servizi bancari che quotidianamente intensificano le misure di sicurezza. 

Per essere davvero efficaci, bisogna essere sempre un passo in avanti rispetto a chi ogni giorno cerca di minare la solidità di questi sistemi. Per questo, a Waterloo, in Belgio, sono iniziati i lavori che porteranno alla realizzazione del Cyber Resilience, il primo a essere installato in territorio europeo. Oltre a essere un centro di ricerca e sviluppo all’avanguardia, questa struttura diventerà uno spazio d’interazione  tra settore pubblico e privato, in modo da garantire il più possibile e con ogni mezzo finanziario una solidità informatica alle imprese di tutta Europa.

Il Cyber Resilience rappresenterà il nodo della sicurezza informatica per l’area europea. Al suo interno, saranno presenti diverse figure specializzate provenienti dalla comunità globale di Mastercard, che andranno a intervenire insieme ai principali centri di cyber intelligence nazionali, le forze di polizia e gli istituti di credito come le Banche Centrali. Obiettivo: prevenire e ridurre il tasso di criminalità informatica internazionale.

«I servizi finanziari figurano sempre tra i bersagli degli hacker – sostiene Javier Perez, President di Mastercard Europa Questo per via dell’infinità di dati e informazioni d’accesso su cui si basano e che ricadono sotto la nostra responsabilità. Il nostro Centro Europeo di Cyber Resilience migliora la collaborazione tra le organizzazioni chiave, contribuendo così a garantire a imprese e individui la sicurezza di cui necessitano quando operano online».

Tra i vari aspetti che andrà a trattare, il Cyber Resilience cercherà di agevolare la comunicazione interna ed esterna dei circuiti Mastercard, accelerando le tempistiche nei casi in cui ci si trovi di fronte a eventi globali, catastrofi naturali o incidenti di servizio e sicurezza. Questo permetterà al centro di essere in stretta relazione con le forze dell’ordine, facilitando l’intervento e uniformando le decisioni quando si tratta di gravi episodi di crimine informatico. Tutto questo, senza sacrificare le leggi sulla privacy che sono da sempre al centro delle politiche di Mastercard.

«La sicurezza e la privacy dei dati dei nostri clienti è per noi di primaria importanza. – conclude Perez – Malintenzionati e hacker non conoscono confini o nazionalità e possono pertanto colpire da ogni angolo del mondo. Solo uno sforzo congiunto che coinvolge tutte le parti interessate può essere in grado di porre l’Europa in prima linea nella solidità informatica delle imprese. Questo nuovo centro farà leva sulle nostre risorse globali e sui nostri partner per individuare e implementare le migliori pratiche di cui l’intero ecosistema potrà beneficiare». (Riccardo Lo Re)

Immagine di copertina
Designed by rawpixel.com / Freepik