MR. SAVETHEWALL

Uno street artist libero, poliedrico e provocatorio.

“Ognuno è le scelte che fa” Mr. Savethewall.

Mr. Savethewall è uno street artist differente dagli altri, e il suo peculiare approccio al lavoro gli ha fatto riscuotere un grande successo a livello internazionale: è contrario all’imbrattamento dei muri e realizza i suoi murales utilizzando un nastro adesivo facilmente removibile. Questa attenzione al decoro urbano e all’ambiente si rivela anche con l’utilizzo di materiali riciclabili a basso impatto, come carta, cartone e legno. Mr. Savethewall nasce come Pier Paolo Perretta, le cui 3 P firmano le sue opere come tre sciabole incrociate. È un artista che non si nasconde, non fa mistero di essere nato a Como e di aver abbandonato una carriera da manager per dedicarsi alla sua vera passione, la street art, utilizzandola come veicolo per esprimere la sua creatività e la sua visione del mondo e della società.

Mr. Savethewall si sta rivelando un artista poliedrico sempre più presente sullo scenario artistico e il mercato dell’arte internazionale. La sua interpretazione della società contemporanea in chiave ironica, leggera, ma fortemente critica, viene espressa con messaggi forti e diretti, provocando una riflessione sul mondo e le sue contraddizioni. Per raggiungere questo scopo utilizza immagini e soggetti famosi facilmente riconoscibili, ai quali affianca anche dei testi, in modo da non dare spazio a misunderstanding. L’artista utilizza la pratica del détournement, concetto già noto all’epoca dei dadaisti, riprendendo cioè un’immagine o un’opera d’arte e stravolgendone il significato originario, attribuendogliene uno nuovo e spesso di senso opposto.
L’ispirazione per le sue opere proviene da personalità del mondo della cultura, dal cinema e dalla storia dell’arte, dalla sfera religiosa e dalla politica, che ripropone sotto una luce completamente diversa, allontanandosi dall’idea originale e conferendole un nuovo significato e funzione.
L’opera iconica Kiss Me è una rappresentazione caustica dell’uomo contemporaneo, ben vestito e sicuro di sé, che non riesce a nascondere le sue vere sembianze di ranocchio. Rivisitando la morale della favola della Principessa e il ranocchio, il protagonista anche se si trasforma in un principe, resta comunque un ranocchio, incarnando tutta una generazione di persone che sotto l’apparenza elegante nascondono un’identità ingannevole e un vuoto esistenziale.
Una delle opere più riconoscibili di Mr. Savethewall è Love me or like me, la rivisitazione della celebre scultura di Canova, Amore e Psiche. Anche in questo caso, l’artista inserisce nell’opera un messaggio allo stesso tempo ironico e critico, raffigurando i due protagonisti intenti a scattarsi un selfie, simbolo emblematico del rapporto alienante con gli smartphone.

La triste realtà del sopravvento della tecnologia nelle nostre vite e in quelle dei nostri figli è drammaticamente interpretata in Holy I-Pad, dove una bambina dai capelli biondi china davanti a un iPad, lo prega come se fosse una divinità. Lo scopo della preghiera della bambina è di riavere suo padre, troppo impegnato con il lavoro per dedicarle del tempo: Mr. Savethewall intende smuovere le coscienze di tutte quelle persone che trascurano gli affetti per dedicarsi unicamente alla carriera e al successo.
Un altro soggetto trattato di frequente da Mr. Savethewall è l’incomunicabilità tra il mondo reale e quello virtuale, ben rappresentata nella famosa opera Selfie ergo sum, in cui due uccellini, un passerotto e il simbolo di Twitter, cercano di comunicare senza successo, sottolineando l’incapacità di trovare un punto di contatto fisico ed emotivo. Ma l’artista vuole anche lanciare un messaggio di ottimismo, e lo dimostra in opere come Cupida, dove una piccola Shirley Temple dispensa amore con bombolette spray, diffondendo allegria e riscattando il quotidiano dalla banalità.
La galleria Deodato Arte è fiera di accogliere i lavori di Mr. Savethewall nei suoi spazi delle gallerie di Porto Cervo e Milano, certa di offrire ai suoi clienti opere di elevato valore artistico e di mercato, un’occasione da non perdere per circondarsi dell’arte più innovativa della scena internazionale.  (Nathalie Anne Dodd).