ARZACHENA TURISMO – VIVERE IL TERRITORIO A 360°

Il pop-up store di Arzachena Turismo non si ferma solo a raccontare la ricchezza del territorio gallurese al pubblico di Waterfront Costa Smeralda.

In quest’epoca di grande evoluzione tecnologica non basta pià descrivere una regione attraverso delle immagini suggestive o dei video che risaltano la sua bellezza. Per rendere la comunicazione efficace è necessario narrarlo, e per farlo gli organizzatori hanno deciso di cambiare il punto di vista compiendo un piccolo passo in avanti, in direzione del cliente. Nel mostrare tutti i servizi offerti, Arzachena Turismo ha deciso di dotarsi delle migliori tecnologie sul mercato per trasformare quella che può sembrare ì una classica ricerca d’informazioni in un’esperienza totalmente inedita. Oltre al tradizionale desk situato al centro dello stand, dove si esporranno tutte le novità del 2019, dai concerti musicali agli incontri con gli autori e alle opportunità turistiche in giro per la regione, al lato sinistro dell’entrata saranno presenti dei visori per la realtà virtuale.

Non servirà spostarsi di un millimetro per scoprire che cosa la Gallura riserva ai turisti di tutto il mondo, e il VR da questo punto di vista rappresenta un ottimo strumento per avvicinare ancora di più la gente verso questa realtà. Arzachena non è solo l’esclusivo centro di Porto Cervo, ma si estende oltre la costa avvolgendo un paesaggio variegato e di straordinaria bellezza. E per dimostrarlo, oltre alle brochure e alle informazioni che le 2 hostess concederanno ai clienti, il visore sarà l’accompagnatore perfetto per l’utente che, una volta indossato, compirà un vero e proprio viaggio virtuale attorno alle zone di Arzachena, scoprendo la natura incontaminata e alle scoperte archeologiche che continuano a resistere alla prova del tempo.

Arzachena Turismo offre infine il servizio di Photobooth Double Exposure, una tecnica fotografica dove la foto del soggetto si fonde a una seconda grazie alla sovrapposizione di più immagini ottenute attraverso diverse esposizioni. I visitatori potranno decidere quale delle immagini fornite dall’ente utilizzare per la foto personalizzata in doppia esposizione. Prima di effettuare lo scatto, l’utente dovrà infine scegliere una delle due opzioni disponibili per il servizio di Photobooth: effettuare una immagine statica, o creare una GIF, inviata via posta elettronica e che sarà possibile condividere sui rispettivi social network. (Riccardo Lo Re)