Vivere Smart – la mobilità urbana è più rapida grazie a Mastercard

Al Salone dei pagamenti 2019 di Milano si è svolto un interessante workshop dedicato alle smart cities, dal titolo “Vivere Smart: pagamenti innovativi e mobilità nelle città del futuro”. Promosso da Mastercard insieme ad alcuni dei rappresentati del trasporto locale italiano, l’incontro ha messo in campo alcune delle importanti trasformazioni in tema di mobilità, rendendo più chiari i traguardi da raggiungere nei prossimi anni. Il concetto di smart city solo qualche anno fa poteva essere considerato uno sviluppo teoretico della città del futuro. Invece nel giro di pochissimo tempo diverse aree metropolitane su scala mondiale hanno preso in carico questa sfida attraverso investimenti e politiche d’integrazione tra le diverse infrastrutture.
La definizione si è spesso delimitata a quell’insieme di servizi (pubblici o privati) che permettono al cittadino di potersi muovere da un punto all’altro di un centro abitato, ma le infrastrutture cosiddette fisiche ora non possono più prescindere dall’evoluzione tecnologica e dalla digitalizzazione che sta toccando ogni settore, dall’industria alle operazioni che riguardano il nostro quotidiano. Come un moderno computer, il funzionamento di una città deve mettere in stretta relazione l’hardware (gli impianti fisici come strade e metropolitane) con il software (le tecnologie di comunicazione). Il TIC (o ICT secondo l’acronimo inglese) permette infatti una trasmissione e ricezione d’informazioni un tempo impensabile, attraverso la sinergia e l’interfaccia tra i vari dispositivi connessi con la rete. Il capitale fisico, sociale e umano sono dunque sempre più interconnessi, che può tradursi in maggiore produttività e in una maggiore attrazione di aziende verso quelle realtà. Una delle tante conseguenze dovute all’innovazione delle smart cities è un aumento della qualità della vita, un miglioramento che riguarda anche l’utilizzo efficiente di risorse che vada più nella direzione di un ambiente ecosostenibile.
Ed è nella mobilità che si vedono i primi esiti di questo processo. Ora con uno smartphone è possibile con pochi passaggi acquistare il biglietto, grazie a questo legame solido tra l’esperienza reale e virtuale. Per questo, nel trattare il concetto di smart life si parla di una transizione verso un cittadino smart, che, insieme alla città, diventa il principale riferimento per i nuovi servizi. Dopo aver investito a Milano, Torino, San Gimignano (Siena), Grosseto e Firenze, per incentivare l’uso delle piattaforme contactless Mastercard ha annunciato il Ticketless day. L’evento, che si terrà nella metropolitana di Roma il 29 e 30 novembre, offrirà il trasporto gratuito agli utenti che useranno i nuovi servizi di pagamento istantaneo installati nelle varie fermate.
«In Mastercard l’innovazione significa anche rendere la customer digital journey sempre più sicura, facile e veloce in un mondo sempre più digitalizzato. – sostiene Michele Centemero, Country Manager Italy di Mastercard – Accedere ai mezzi pubblici con un semplice tap contactless, che sia attraverso carta o wearable, contribuisce notevolmente a migliorare l’esperienza dei consumatori, aiutandoli a vivere liberamente la propria quotidianità risparmiando tempo e senza preoccupazioni. Inoltre, l’obiettivo di Mastercard, già partner delle principali città nel mondo per la diffusione dei pagamenti contactless nella rete di trasporti cittadini, è sicuramente quello di estendere presto soluzioni per la mobilità smart di questo tipo anche a nuove realtà locali, collaborando con gli attori pubblici e privati per abilitare la smart life per il cittadino in tutte le realtà urbane della penisola».

Riccardo Lo Re